Massimo D’Alema (sarà rieletto)

Tangentopoli Nei primi mesi del 1993, quando l’inchiesta di Mani Pulite iniziava ad occuparsi delle cosiddette tangenti rosse al PCI–Pds, D’Alema definiva spregiativamente il pool «il soviet di Milano». Il 5 marzo 1993, il governo di Giuliano Amato approvò il decreto Conso, con cui il parlamento cercava una “soluzione politica” a Tangentopoli. Il decreto fu contestato da gran parte della … Continua a leggere