Boicottiamo il TGCOM.it

Navigando un po’ in rete mi sono avventurato sul sito del tgcom e piu’ precisamente sui commenti di utenti sulla manifestazione studentesca. Credo che non abbiano appellativi queste persone…ne riporto alcuni passi:

  • continano gli scontri(spacciata per protesta)..ma sti ragazzi i genitori ce li hanno?li prenderei a schiaffi personalmente a uno a uno,maleducati,e sono solo violenti,perchè la sinistra è tale,non parlano ma attaccano,non ascoltano ma interrompono,per cui maleducati,si credono paladini dei valori e nn conoscono neppure il significato,usano solo le persone e le persone ovviamente ignoranti,per questo vogliono una scuola da somari,gli vanno dietro..stanno dimostrando quel che sono:pessimi elementi. 
  • Affermazione 1)Manifestare è un diritto, occupare è fuori legge. Pugno durissimo a chi occupa la cosa pubblica e impedisce a chi non manifesta di andare regolarmente a lezione. Polizia in assetto antisommossa occorre!
    Affermazione 2)Manifestano senza fare prposte. E’ chiaro che sono manifestazioni strumentalizzate. Forza Gelmini!
    Amo la liberta, odio e sono contro ogni forma di sopruso; ocupare è un sopruso. Nessuna tolleranza, massima determinazione nello stroncare questi gesti! 
  • siamo alle solite…sembrava strano che qst anno dovessero seguire le lezioni per più di un mese. dopo natale tutto tornerà nei ranghi. e come al solito non sanno manco quale sia l’oggetto del decreto.
  • Non hanno nulla di concreto da dire perciò non si siedono neanche al tavolo di confronto aperto apposta per loro.
    Meno male che si parla di scuola…in cui si dovrebbe quantomeno insegnare la buona educazione.
  • Tute balle mediatiche:si tratta dei soliti perdigiorno(sparuta minoranza chiassosa) che comunque ingrosseranno le fila dei disoccupati.non hanno voglia di studiare.Pero’ molti dei loro genitori sessantottini,con quella manfrina, ci hanno costruito su una bella carriera.Chissa’ non riesca anche loro?

 

Boicottiamo il TGCOM.itultima modifica: 2008-10-24T19:53:00+00:00da stigeit
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento